Crema di Pistacchio Spalmabile?!

 

Stai cercando una crema spalmabile gustosa? Qualcosa di veramente goloso per iniziare bene la giornata? Allora sei nel posto giusto perché la crema di pistacchio spalmabile è la risposta alle tue esigenze!

Una volta assaggiata, toccherai le stelle con un dito e non potrai più farne a meno!

La crema spalmabile di pistacchio è deliziosa, ideale da gustare da sola, da spalmare sul pane, farcire crepes, biscotti e dolci. Una mousse dal sapore delicato e profumo inconfondibile.
Ottima per la prima colazione, fornisce tanto gusto ed energia.

colazione.crema-di-pistacchio-spalmabile

Per ovvi motivi non ci è possibile svelare il processo di lavorazione per ottenere la nostra crema di pistacchio, realizzata in modo artigianale col 35% di pistacchio siciliano, senza conservanti o coloranti. Ma, oggi vogliamo consigliarti come preparare una buona versione casalinga. Bastano davvero pochi ingredienti per tanti momenti di piacere!

Qui accanto potete deliziare i vostri occhi con dei pancake al pistacchio fatti in casa una vera ondata di gusto ed energia mattutina che vi accompagnerà per tutto il resto della giornata.

Potrete trovare tutte le migliori ricette al pistacchio tipiche del paese di Bronte sul nostro sito nella sezione “Ricette”. 

Se non hai tempo da perdere e vuoi subito deliziare il palato allora ti consiglio di assaggiare la nostra crema al pistacchio.

Come preparare la Crema di Pistacchio Spalmabile fatta in casa?

Per ottenere una buona crema di pistacchio ecco quello che ti occorre:

  • 200g Pistacchio di Bronte sgusciato (non tostato e non salato)
  • 150g di cioccolato bianco di buona qualità
  • 100g di zucchero di canna
  • 30g di burro
  • 80ml (un bicchiere) di latte (anche vegetale)

Con questi semplici ingredienti si prepara una nutella di pistacchio buona e genuina, di gran lunga migliore rispetto ai prodotti da supermercato (basta verificare gli ingredienti sulle etichette).

Pronto a preparare insieme la crema di pistacchio?

La prima fase forse è sicuramente la più delicata. La mousse di pistacchio di Bronte ha un colore abbastanza vivace, mentre il classico chicco di pistacchio è ricoperto da una sottilissima pellicina violacea. Come la rimuoviamo?

La soluzione è più semplice di quanto possa sembrare!

Basta prendere un pentolino, versare l’acqua e portarla ad ebollizione. A questo punto mettiamo 200g di pistacchio al suo interno e li lasciamo bollire per massimo 8/10 minuti. In questo modo la pellicina viola esterna tenderà a staccarsi dal chicco, scoliamo i pistacchi e li mettiamo ad asciugare su un canovaccio pulito, preferibilmente di cotone o comunque morbido e senza pelucchi.

Disponiamo i pistacchi al centro del canovaccio e chiudiamo le estremità cercando di formare una sorta di sacchetto. Adesso, tenendo il manico, agitiamo il sacchetto fino a che tutte le pellicine viola si stacchino dal chicco, aiutandoci anche con le mani. Asciughiamo per bene i pistacchi in modo da averli pronti all’uso.

Il secondo step consiste nel trasformare il nostro pistacchio in farina o granella. Quindi armiamoci di frullatore/tritatutto oppure di mortaio e rendiamo il più sottile possibile il nostro pistacchio. Se si vogliono evitare questi passaggi, è possibile comprare direttamente la granella di Bronte.

Adesso, andiamo a sciogliere i 150 grammi di cioccolato bianco in un pentolino, aggiungiamo 30 grammi di burro e poi anche 80 ml di latte. Facciamolo sciogliere come a creare la classica cioccolata. Quindi mescoliamo con una palettina di legno per amalgamare tutti gli ingredienti fino a raggiungere una consistenza cremosa.

Appena la cioccolata ha raggiunto la giusta densità, si aggiunge il pistacchio tritato e 100 grammi di zucchero di canna. Continuiamo a mescolare, amalgamando il tutto fino ad ottenere una mousse cremosa.

Se durante il processo ci accorgiamo che il composto è troppo denso, si può aggiungere un pochino di latte.

La preparazione è terminata, adesso non ci resta che versare la crema di pistacchio in un contenitore di vetro (precedentemente sterilizzato con acqua bollente). Lasciare raffreddare in modo naturale.

Ci siamo, hai finalmente preparato la tua prima Crema al Pistacchio di Bronte! Adesso puoi gustarla da sola o per farcire i tuoi dessert preferiti. Ottima anche per arricchire torte e creme al cioccolato oppure come idea regalo.
Unica controindicazione? Attenzione…crea dipendenza!!!

torta-di-pistacchio-di-bronte

Torta Pistacchio & Nutella

Ricette con la Crema di Pistacchio Spalmabile

La crema di pistacchio ha numerosi impieghi in cucina, come abbiamo detto può essere gustata da sola oppure spalmata su una fetta di pane o può servire per guarnire dolci, torte e biscotti.

Dalle ricette senza l’utilizzo del forno, ideali soprattutto d’estate o quando non si ha molto tempo come il Tiramisù al pistacchio, gelati con crema di pistacchio, dessert al pistacchio senza cottura. Alle ricette più elaborate come biscotti con cuore di crema di pistacchio, dolci al pistacchio, crostata alla nutella di pistacchio, torta al pistacchio. Cannoli siciliani al pistacchio, bignè alla crema di pistacchio, la deliziosa torta brisée alle ciliegie e crema di pistacchio oppure pancakes e crepes con golosa crema di pistacchio.

Queste sono solo alcuni dei tanti dessert che si possono preparare. Se ti è venuta l’acquolina in bocca, continua a seguirci perché pubblicheremo tante ricette al Pistacchio di Bronte!

pistacchio-di-bronte-origini

Jumbo di Pistacchio di Bronte

Le origini del Pistacchio

Il Pistacchio rappresenta ormai un’icona per il nostro paese nonché per la nostra cultura culinaria. Viene utilizzato sia per arricchire pietanze salate, sia per realizzare dessert golosi. Scopriamo insieme la sua nascita, facciamo un tuffo nel passato.

La coltivazione di pistacchio vanta origini molto antiche, risale intorno al 1000 a.C. in Medio Oriente. I Maya furono i primi agricoltori di pistacchio nei territori della Persia, Siria e India.

In Italia, la coltivazione del pistacchio fu introdotta nel 30 d.C. Sono stati gli arabi ad importarlo in Sicilia, prima nelle province di Agrigento e Caltanissetta, e poi Bronte, intorno alle metà del XVIII secolo. Si hanno informazioni di almeno dieci diverse varietà di pistacchio, la più preziosa è sicuramente quella di Bronte, in provincia di Catania.

Pistacchio di Bronte della Sicilia

I sapori Mediterranei sono una tradizione intramontabile e senza pari. Il Pistacchio di Bronte è anche soprannominato l’oro verde dell’Etna per il suo elevato valore commerciale.
È sicuramente uno dei prodotti più apprezzati al mondo. Questa varietà cresce in Sicilia, sui terreni lavici dell’Etna, nella zona sudoccidentale e più precisamente nel comune di Bronte, confinante con altri paesini etnei come Adrano, Belpasso, Ragalna e Biancavilla. La sua produzione ha ottenuto il marchio di Denominazione d’Origine Protetta (DOP). Un vero e proprio tesoro artigianale, dal sapore unico e genuino.

Pistacchio-di-Bronte-Sicilia-Etna

Il pistacchio di Bronte è di una qualità senza pari, si contraddistingue per la delicata dolcezza e il colore verde smeraldo dovuto dalla percentuale di clorofilla, superiore ad altri tipi di pistacchio.

Le sue pregiate caratteristiche sono dovute al territorio in cui cresce. Il connubio tra il territorio lavico e la pianta che viene continuamente concimata dalle ceneri vulcaniche dà vita ad un frutto ricco di sostanze minerali, dal sapore deciso.  Se non siete mai stati in Sicilia, beh questo è proprio il momento di prenotare una bella vacanza all’insegna dei sapori e colori di questa splendida terra.

La coltivazione del pistacchio di Bronte avviene ad anni alterni, tra agosto e settembre. La sua coltivazione e produzione rappresenta un’importante fonte di reddito per la città di Bronte.

Se vogliamo affidarci ai numeri, il pistacchio di Bronte rappresenta oltre il 90% della produzione italiana di pistacchio e circa il 2% di quella mondiale.

Grazie all’azienda siciliana Caraci che produce specialità al Pistacchio tipiche della città di Bronte, è possibile portare sulla tua tavola il meglio della produzione artigianale locale: dalla crema di pistacchio alla pasta pura di pistacchio, dal pesto al liquore al pistacchio, dai dolci alla pasta al pistacchio e molto altro.

Quali sono i benefici del Pistacchio di Bronte? 

Il consumo di Pistacchi di Bronte (non tostati e non salati) è un toccasana per il sistema cardiovascolare, perché sono privi di colesterolo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ne consiglia 30g al giorno perché apportano numerosi benefici al nostro corpo e alla nostra mente. La porzione giornaliera di 30g contiene solo 13 grammi di grassi, di cui 1,5 saturi e il resto sono grassi buoni.

Vediamo insieme i principali benefici del Pistacchio di Bronte:

  • Stimolano il buonumore e combattono lo stress
  • Prevengono l’invecchiamento
  • Proteggono la vista
  • Aiutano la salute di ossa e denti
  • Combattono la pressione alta grazie al contenuto di potassio
  • Prevengono il diabete di tipo II: il fosforo contenuto al loro interno tiene sotto controllo il livello di glucosio nel sangue e decompone gli amminoacidi
  • Abbassano il colesterolo cattivo
  • Hanno proprietà antitumorali grazie al beta carotene che aiuta a prevenire i tumori
  • Aiutano in caso di anemia, grazie al rame contenuto al loro interno
  • Combattono le infezioni e rinforzano il sistema immunitario
  • Alleati di bellezza per pelle e capelli grazie ai sali minerali come rame, zinco, selenio, luteina e vitamina H
  • Ricchi di sali minerali e vitamine del gruppo B
  • Fonte di proteine vegetali e carotenoidi
  • Fonte di fosforo, rame e potassio
  • Ricchi di antiossidanti
  • Contengono Omega 3 e Omega 6, ideali in gravidanza per il corretto sviluppo del sistema nervoso del feto.

 

pasta-al-pistacchio-di-bronte

Pasta al Pistacchio

Ricette salate con Pistacchio di Bronte

Il colore ed il profumo del Pistacchio di Bronte sono inconfondibili e irresistibili.

Solitamente il suo utilizzo viene associato a dolci e gelati, ma sono tante anche le ricette salate che possono essere realizzate col pistacchio di Bronte.

Hai mai assaggiato un piatto tipico della cucina brontese? Per chi ha risposto no, ci dispiace davvero tanto, ti stai perdendo un’esperienza sensoriale! Invece per i fortunati che hanno annuito, siamo certi vi staranno venendo in mente una carrellata di cibi appetitosi:

  • La pasta al pistacchio (grande classico)
  • L’arancino al Pistacchio (esuberante)
  • La pizza al pistacchio (afrodisiaca)

 

Continuiamo col pesto al pistacchio per condire la pasta, le varie salsine per arricchire bruschette e crostoni. Carbonara con piselli e pistacchi, linguine al salmone con pesto di pistacchi e pomodori secchi. Trofie al salmone con pesto di pistacchi e panna. Pasta fresca con gamberi, pomodori e pistacchio. Penne alla crema di asparagi con pistacchi tritati.

L’accostamento di profumi e sapori in cucina col Pistacchio di Bronte sono davvero infiniti. Il suo utilizzo è cosi versatile, ottimo snack da consumare da solo oppure accompagnato da altra frutta secca. Con la sua granella è possibile realizzare tante ricette deliziose, dalle insalate con spolverata di frutta secca ai risotti cremosi con granella di pistacchio.
Se anche tu vuoi provare tanti piatti gustosi, continua a seguirci perché pubblicheremo tante ricette dolci e salate da preparare per te o i tuoi cari ripiene di pistacchio di Bronte.

Nessun Commento

Inserisci un Commento

Top
0